MYLAV VETBLOG

Il Blog di Aggiornamento Scientifico di MyLav

PATOLOGIA

Novità 2019: lo studio perimetrale dei margini di escissione chirurgica

Dal prossimo gennaio 2019, il nostro laboratorio potrà offrire un ulteriore servizio di istopatologia: lo studio dei margini perimetrali di escissione chirurgica. Cerchiamo di spiegarvi di cosa si tratta con questo Blog e con le immagini nel PDF allegato.

Cosa si valuta in generale quando si analizzano i margini di escissione?

Attraverso la valutazione istologica dei margini di escissione chirurgica, il patologo valuta la distanza della neoplasia rispetto al limite dell’exeresi chirurgica, ovvero la possibilità di una residua presenza di tessuto patologico nel paziente. Sulla base di tale informazione, quando un tumore si estende fino al margine chirurgico, nella sezione istologica, viene descritto come neoplasia che infiltra i limiti chirurgici dell’exeresi (gergalmente chiamato margine “sporco”). L’infiltrazione del margine può essere ulteriormente interpretata come a distribuzione massiva (infiltrazione diffusa) o con aggregati-propaggini di cellule neoplastiche (infiltrazione focale).

Al contrario, i margini di escissione chirurgica vengono considerati esigui quando la neoplasia non infiltra il margine, ma si localizza in prossimità dello stesso, a meno di 2 mm dal margine della sezione istologica. Infine, i margini vengono considerati liberi, quando le celle neoplastiche si trovano ad una distanza ≥ 2 mm dal margine nella sezione istologica.

Perché si valutano margini di escissione e qual è l’importanza clinica nei diversi tumori?

I margini si valutano al fine di predire il rischio di recidiva locale in seguito all’infiltrazione tumorale del tessuto residuo sull’animale. Alcuni tumori, nello specifico quelli caratterizzati da un comportamento biologico aggressivo e con un elevato grado istologico, quali sarcomi dei tessuti molli e mastocitoma del cane, sarcoma da inoculo e carcinomi mammari felini, sono neoplasie che necessitano di una ampia escissione chirurgica, e per cui l’infiltrazione dei margini implica un rischio di recidiva locale elevato.

Come orientare i margini?

Al fine di stabilire l’orientamento del campione chirurgico per la successiva indagine istologica dei margini, è consigliabile apporre dei punti di sutura che siano indicativi della localizzazione anatomica del campione rispetto all’animale. I punti di sutura possono essere apposti indicando le proiezioni anatomiche craniale, caudale, dorsale e ventrale (Fig.1 e 2 del file allegato). In tal modo, l’eventuale presenza di un margine specifico (es. il margine craniale) infiltrato dalla neoplasia sarà più facilmente rivalutabile per una successiva revisione chirurgica.

Perché colorare il margine con inchiostro di china?

Perché l’inchiostro di china apposto subito dopo l’asportazione chirurgica sulla superficie prossimale del tessuto escisso, rappresentato ad esempio in una neoplasia cutanea dalla porzione di sottocute e/o fascia muscolare, diventa una reale linea di demarcazione visibile sulla sezione istologica (vedi ad esempio l'immagine istologica sopra). Il rischio della valutazione di margini non chinati è legato al fatto che il reale limite del campione non venga raggiunto con il taglio di una singola sezione istologica comprendente il nodulo. Inchiostri di china di colori diversi possono essere utilizzati ugualmente per l’orientamento dei margini. In questo caso ogni margine (craniale, caudale, dorsale e ventrale) sarà colorato con un colore diverso.

Quale tecnica di marginazione selezionare?

Il campionamento dei margini in patologia veterinaria può essere ottenuto con due metodiche o con una combinazione delle stesse:

  • Tecnica del cross-sectioning
  • Marginazione perimetrale

La tecnica del cross-sectioning, si esegue sezionando il campione lungo il suo asse corto, e successivamente le due metà ottenute lungo il loro asse lungo (Fig.1). Questa metodica consente di ottenere massimo 4 sezioni istologiche, e pur rimanendo una tecnica low-cost, consente solo una valutazione limitata della superficie totale dei margini chirurgici.

La marginazione perimetrale, invece, anche nota come tecnica di tangential-sectioning, fornisce una più completa valutazione dei margini di escissione chirurgica (Fig.2). Si esegue effettuando sezioni continue lungo tutto il perimetro limite del campione. Utilizzando questa tecnica, se sono presenti cellule neoplastiche nelle sezioni istologhe i margini saranno considerati infiltrati. Ovviamente queste procedure vengono effetuate in laboratorio dal personale del settore di patologia a partire dalle biopsie chirurgiche ricevute.

Luisa Vera Muscatello & Luca Aresu, del team dei patologi MYLAV.

Bibliografia

  • Biller et al., 2016 AAHA Oncology Guidelines for Dogs and Cats. JAAHA 2016 Jul-Aug;52(4):181-204.
  • Stromberg and Meuten. Trimming Tumors for Diagnosis and Prognosis, chapter 2 in: Tumors in Domestic Animals, 5th editon, 2017, Wiley Blackwell, Iowa USA.
  • Goldschmidt et al. Identification and assessment of tumor margins. In: Surgical Pathology of Tumors of Domestic Animals Volume 1 – Epithelial Tumors of the Skin, edited by M. Kiupel, 2018, Davis Thompson Foundation, Illinois, USA.

Lascia i tuoi commenti

Posta commento come visitatore

0
I tuoi commenti sono soggetti alla moderazione dell'amministratore.

Persone in questa conversazione

  • Please provide an explanation?
    1) What types of tumors are determined by the standards of 2 cm from the edge of the resection?
    2) The diagram (separate file) does not indicate how the “bottom” of the lower base of the tumor tissue is examined?
    3) What is the diagnostic value of this study in the presence of "tumor invasion in blood vessels"
    4) What does this study give in the presence of micrometastases and regional tumor implants?

  • Dear Nikolai,
    Please find below the answers to your questions provided by our pathologists.
    1) There is no standard of 2 cm. Indeed, this seems a very wide
    margin of resection to exclude tumor infiltration. In the literature
    review that we have performed in this article, many studies have
    described free margins when no neoplastic cells were identified by light
    microscopy in the histologic tumor‐free margin for a space wider> 2-5mm.
    However, to date, there has only been one study published in the
    veterinary literature which found close histologic margins have an
    impact on local tumour control.
    2) The “bottom of the lower base” is generally inked and then is
    always included both in marginal (cross section or perimeter) and tumor
    sections.
    3) This is not a scientific study, but just a short summary of the
    literature pubblished on the argument. The description is formatted to
    help veterinaries to take the correct decision whether requesting
    cross-section or peripheral margins
    4) See answer number 3.

    Sincerely, Luca Aresu & Luisa Muscatello

MYLAV s.r.l.u.

Sede Legale: Via Vecchia Montesardo, 21 73031 - Alessano (LE)
Indirizzo del laboratorio: Via G. Sirtori, 9 20017 Comune Rho Fraz. Passirana
02 9311172
p.IVA/CF: IT04197610753
Privacy Policy
Image

Seguici

Image
Image
Image
Image
Image
© 2019 MylavBlog. All Rights Reserved.Design & Development by Nealogic

Cerca