MYLAV VETBLOG

Il Blog di Aggiornamento Scientifico di MyLav

MICROBIOLOGIA

Il campionamento in microbiologia - 5^ parte

Cari colleghi, parliamo oggi delle metodiche di corretto campionamento per eseguire un esame microbiologico delle urine.

La metodica d’elezione per la raccolta del campione è la cistocentesi. Questa procedura permette di prelevare sterilmente l'urina direttamente dalla vescica e quindi riduce il rischio di contaminazione dalle basse vie urinarie.

Sono ammessi cateterismo e minzione spontanea ma ovviamente si avrà maggior rischio di contaminazione. In base alla metodica di prelievo il laboratorio interpreterà diversamente la crescita ottenuta, secondo appositi cut-off che ne stabiliscono la significatività. Ad es. un’urina prelevata per cistocentesi, se presenta una crescita di 150 UFC/mL viene considerata positiva, invece un’urina presa per minzione spontanea, se presenta una crescita di 150 UFC/mL verrà considerata negativa.

Affinchè il laboratorio possa eseguire la conta delle unità formanti colonia su mL (UFC/mL), e quindi possa eseguire un’urinocoltura quantitativa, deve avere a disposizione un certo quantitativo di urina (almeno 1mL). Al di sotto di questa quantità non è possibile effettuare una semina quantitativa, e come abbiamo visto, questo ci impedisce di stabilire se la crescita avvenuta è significativa o meno, per quella determinata metodica di prelievo.

Il prelievo mediante cataterismo deve essere effettuato con catetere sterile e cercando di rispettare il più possibile una procedura asettica, per evitare contaminazioni del campione o peggio ancora infezioni iatrogene successive. In caso di prelievo mediante cateterismo permanente (es. gatto ostruito), il catetere deve essere stato appena introdotto o introdotto da poco. Già dopo poche ore sulla parete del catetere tende a formarsi un biofilm batterico ambientale che contaminerà il prelievo di urina.

In caso di prelievo per minzione spontanea, cercare se possibile di evitare il primo getto e raccogliere il getto intermedio.

Per i sopracitati motivi, è fondamentale segnalare al laboratorio la metodica con cui è stato prelevato il campione.

Le urine vanno inviate al laboratorio direttamente nella siringa sterile o in una provetta sterile (ed in questi casi vanno mantenute refrigerate) oppure, scelta consigliata, in appositi contenitori sterili per urine PENTADIP o TRISLIDE (questi ultimi contengono già dei terreni differenziali) o in ultimo provette con acido borico (stabilizzante per la crescita batterica). In questi ultimi due casi invece l’urina va conservata a temperatura ambiente. Questi contenitori possono essere rishiesti direttamente al laboratorio.

Vanno evitati i contenitori non adeguati, ad es. provette non sterili, provette da siero, tamponi con terreno di trasporto (i campioni liquidi facilmente fuoriescono e spesso la quantità raccolta è inadeguata) o peggio ancora barattoli riciclati.

Marta Medardo, Responsabile del settore di Microbiologia di MYLAV

More about:

Lascia i tuoi commenti

Posta commento come visitatore

0
I tuoi commenti sono soggetti alla moderazione dell'amministratore.
  • Nessun commento trovato

Mylav - Laboratorio Lavallonea

Via Giuseppe Sirtori, 9
20017 Passirana di Rho (MI)
02 9311172
04197610753
Privacy Policy
Image

Seguici

Image
Image
Image
Image
Image
© 2019 MylavBlog. All Rights Reserved.Design & Development by Nealogic

Cerca