MYLAV VETBLOG

Il Blog di Aggiornamento Scientifico di MyLav

Cardiologia

UNA NUOVA CLASSIFICAZIONE PER L'INSUFFICIENZA MITRALICA NEL CANE

Tutti noi, clinici e cardiologi, per stadiare i pazienti affetti da malattia degenerativa della valvola mitrale facciamo riferimento alla classificazione ACVIM Consensus (Keene et al, J Vet Internal Med, 2019), in cui sulla base di parametri clinici, radiografici ed ecocardiografici, i cani affetti da malattia mixomatosa mitralica vengono distinti in 4 classi, da A a D.

 

 

Recentemente è stato proposto, da un gruppo di colleghi italiani (Vezzosi et al, J Vet Internal Med, 2021), un nuovo sistema di classificazione della severità dei pazienti affetti da questa malattia basandosi su parametri puramente ecocardiografici.

Questo studio retrospettivo multicentrico, che ha incluso 560 cani, ha preso in considerazione 4 parametri ecocardiografici che fanno parte del minimal data base dello studio di un paziente affetto da malattia mixomatosa mitralica, ovvero: il rapporto atrio sinistro/aorta, il diametro del ventricolo sinistro normalizzato per il peso corporeo, la frazione di accorciamento del ventricolo sinistro e la velocità di picco dell’onda E del flusso transmitralico.

Poiché i valori di normalità per ognuno di questi parametri sono stati tutti ampiamente stabiliti da studi precedenti, è stato attributo loro un valore di 1 per i soggetti che li presentano nella norma; i valori da 2 a 4 sono invece relativi ad aumenti di tali dati rispetto ai cutoff di normalità.

Il punteggio MINE (“Mitral Insufficiency Echocardiographic Score) è quindi dato dalla somma dei punteggi per ognuno di questi 4 parametri, e ci permette alla fine di affermare che il paziente ha un livello di severità lieve se presenta un punteggio finale di 4-5, moderato con 6-7, severo 8-12. Il cane si troverà in uno stadio terminale se tutti i valori sono ai limiti superiori, con una somma maggiore di 13.

Sempre in questo studio è stato inoltre dimostrato come l’appartenenza ad una di queste classi correla anche in maniera statisticamente significativa con il tempo di sopravvivenza dei cani ed un punteggio maggiore di 8 predice, in maniera significativa, la morte del paziente per cause cardiache.

Tabella 1: classi di severità, basate sul punteggio totale ottenuto dalla somma dei singoli punteggi dei 4 parametri presi in considerazione dallo studio

 

Classi di severità

Punteggio finale

Lieve

4-5

Moderata

6-7

Severa

8-12

Stadio terminale

≥13

 

Analizzando gli stessi soggetti secondo la classificazione ACVIM, è stata poi evidenziata una differenza significativa nei tempi di sopravvivenza dei soggetti appartenenti alla stessa classe ACVIM ma differente classe di severità MINE. Come evidenziato dagli autori stessi, questo potrebbe ancor di più supportare la complementarietà dei due studi.

A differenza del Consensus ACVIM infine, in questa sede non vengono date indicazioni terapeutiche dei soggetti e si prendono in considerazione parametri puramente ecocardiografici. Sebbene questo possa rappresentare un limite dello studio, si ritiene importante la sua conoscenza anche da parte del clinico, in quanto la malattia degenerativa della valvola mitrale è sicuramente la patologia cardiaca più frequente nel cane ed una precisa e rapida classificazione dei soggetti ci agevola nella comunicazione e quindi nella gestione dei casi.

 

 

Marta Claretti, Med. Vet.; consulente in Cardiologia di Mylav

Walter Bertazzolo, Med. Vet. EBVS European Specialist in Veterinary Clinical Pathology (Dipl. ECVCP); Direttore Scientifico di MYLAV

 

Lascia i tuoi commenti

Posta commento come visitatore

0
I tuoi commenti sono soggetti alla moderazione dell'amministratore.
  • Nessun commento trovato

MYLAV s.r.l.u.

Sede Legale: Via Vecchia Montesardo, 21 73031 - Alessano (LE)
Indirizzo del laboratorio: Via G. Sirtori, 9 20017 Comune Rho Fraz. Passirana
02 9311172
p.IVA/CF: IT04197610753
Privacy Policy
Image

Seguici

Image
Image
Image
Image
Image
© 2019 MylavBlog. All Rights Reserved.Design & Development by Nealogic

Cerca